Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

 

italiano

  • Hotel Maison Tofani Sorrento

    Hotel Maison Tofani Sorrento

    Ospitalità di Qualità e Charme Sruttura di Design Sorrento Riviera di Napoli Costa delle Sirene Campania Italia

  • Private Tour in Italy

    Private Tour in Italy

    Noleggio auto con conducente, escursioni esclusive, trasferimenti, taxi privati Sorrento, Riviera di Napoli, Positano, Costa d'Amalfi,...

  • Hotel Astoria Sorrento

    Hotel Astoria Sorrento

    Ospitalità di Qualità Camere e Colazione Albergo 4 Stelle Ristorante Centro Storico Sorrento Riviera di Napoli Campania Italia

  • Il Borgo Ristorante Sorrento

    Il Borgo Ristorante Sorrento

    Cucina tradizionale, Gastronomia Mediterranea, specialità a base di pesce Terrazza Panoramica, Penisola Sorrentina Sorrento Napoli...

  • Sorrento Driving Guide

    Sorrento Driving Guide

    Servizio di trasferimento da e per gli aeroporti della Campania, Transfer ed escursioni esclusive in Costiera Amalfitana, Tour...

tu sei qui: Home Vinchio

Strutture

Visita una località navigando tramite il menù a sinistra. In ogni zona d'Italia potrai successivamente scegliere le strutture turistiche d'eccellenza che ti proponiamo.

Primo Piano

Qui ti proporremo informazioni e curiosità riguardanti l'area che stai visitando.

Stampa questa pagina Segnala via e-mail

Condividi:
fb-like
g-plus

Vinchio

Descrizione

Sul toponimo non si registra concordia: per alcuni deriverebbe dal latino "viginti" (il numero venti), le miglia che separavano il centro da Alba. E' un piccolo comune in provincia di Asti, distribuito su un gruppo di colline situate tra il Monferrato e le Langhe, nel punto in cui convergono ben tre strade romane. L'abitato si sviluppa lungo un crinale sulla sponda destra del torrente Tiglione. Numerosi sono i vigneti da cui si ricava dell'ottimo Barbera.
Le colline di Vinchio hanno origini antichissime e sono ricche di reperti fossili. Il territorio fu abitato sin dalle epoche più remote come testimonia il ritrovamento di un'ascia, forse appartenuta a popolazioni di origini celtiche. Occupato dai Romani, fu reso più facilmente raggiungibile grazie al fatto che i conquistatori tracciarono un fitto reticolato di strade, tra cui quella diretta nelle Gallie. Le prime notizie sull'abitato risalgono al 935 d.C., anno in cui Aleramo, Conte di Acqui, sconfisse i Saraceni nella zona. Nel 948 il Conte di Asti cedette alcuni terreni al Vescovo dell'omonima città; nel 1125 Vinchio appartenne al Marchese Bonifacio del Vasto e, dopo un secolo circa, le terre tornarono ad Asti. Terra di confine, fu contesa tra Asti ed Alessandria. Nei primi anni del XIV secolo la zona fu sotto il controllo dei Solari e poco tempo dopo la ottenne in feudo il nobile Antonio Scarampi. Nei secoli successivi le sorti dei comuni della zona di Asti e del Monferrato furono separate da quelle di Vinchio e degli altri cinque comuni che, a differenza dei primi, dominati dai Savoia, rimasero feudi dell'imperatore Carlo V di Spagna e degli Asburgo e furono sovente attaccati dalle truppe sabaude. Nel 1736 Vinchio fu ceduto al Regno di Sardegna.

Da vedere:

La chiesa parrocchiale dei Santi Marco e Vincenzo, originariamente composta da una sola navata, fu ampliata nel corso del XVIII secolo con l'aggiunta di altre due navate. Presenta affreschi sulla volta della navata più antica, un altare di epoca barocca in marmo policromo e due pregevoli dipinti, raffiguranti entrambi la Vergine, risalenti al periodo compreso tra la fine del Seicento ed i primi anni del Settecento. All'interno dell'abside una grande tela raffigurante San Marco datata 1853. Il campanile, in mattoni a vista, fu fatto costruire nel 1767.
La Confraternita della Santissima Trinità, più nota come chiesa dei Battuti, risale al XVI secolo. Originariamente ad unica navata con volta a botte, abbandonata all'incuria a lungo, è stata recentemente restaurata e rinnovata nella struttura. Il campanile risale all'Ottocento.
Le numerose chiesette e cappelle votive distribuite sul territorio.

Mappa

La pagina web di questo paese è stata visitata 19.857 volte.

Scegli la lingua

italiano

english